sabato 14 gennaio 2012

Gabbiani di lago


Gabbiani di lago , inserito originariamente da brezzadilago.


Sarei rimasta ore a guardarli.


Si tuffavano in acqua per un pezzo di pane, quell'acqua fredda e scura come lo è solo l'acqua del lago.


Alzavano spruzzi bianchi su acqua nera, e riflettevano tra le ali gli ultimi raggi di un inaspettato tiepido sole di inverno.


Arrivavano da ogni ansa del lago, veloci, ordinati, tagliando l'aria come se trattenessero il respiro.


E una volta arrivati, si tuffavano, diretti, senza prendere le misure, in mezzo a centinaia di altri gabbiano che già pasteggiavano. Erano centinaia, forse migliaia, e nessuno scontro, quasi che le loro voci li proteggessero come scudi.


Li avrei guardati per ore, in questo finto gioco di cattura, in cui li si attira a riva, ma non li si cattura mai davvero.


Un po' come fa il lago, con chi lo ama: lo fa avvicinare, gli nutre l'anima, ma non lo vuole per se, non lo cattura: lo lascia andare.


Un lago che si porta appresso, nelle immagini, nei sogni, nei suoni, nelle luci e nelle ombre.


Soprattutto nei silenzi ...

Nessun commento:

Posta un commento